110 defibrillatori in dono a “Trenta Ore per la Vita”

9th marzo 2012

Martedì 6 marzo 2012, all’Hotel Federico II Jesi, Lorella Cuccarini, socio fondatore e testimonial di “Trenta Ore per la Vita” ha ritirato un importante dono da parte delle società Effegroup S.p.A. e Cometech s.r.l.
Si tratta di 110 defibrillatori destinati a centri sportivi pubblici e scuole statali del territorio nazionale. Un dono importantissimo, visto che ogni anno circa 70.000 persone sono vittime di arresto cardiaco improvviso: 200 morti ogni giorno, una ogni 8 minuti, molte in giovane età, molte evitabili. Queste persone, se soccorse prontamente in maniera adeguata, hanno buone probabilità di ripresa: è cruciale, infatti, che il primo soccorso di rianimazione sia prestato sul posto, entro pochissimi minuti in attesa dell’arrivo dell’ambulanza.

È proprio per sostenere l’importanza di questo tipo di soccorso che il 31 ottobre si è conclusa la campagna 2011 che “Trenta Ore per la Vita” e Croce Rossa Italiana hanno promosso per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle pratiche di rianimazione cardio-polmonare in situazioni di emergenza.

La città di Jesi è stata scelta perché è sede delle società Effe Group e Cometech, aziende specializzate nella produzione e commercializzazione di prodotti e strumenti medicali all’avanguardia, che hanno sostenuto “Trenta Ore per la Vita 2011” attraverso la donazione di defibrillatori.

All’evento anche Valentina Vezzali , testimonial della campagna “Un affondo al melanoma” per la prevenzione dei tumori alla pelle.

Qui sotto il video che abbiamo girato all’evento con delle brevissime interviste a Lorella Cuccarini, Valentina Vezzali e Stefano Fabbi, ad di Cometech Srl, oltre ad una dimostrazione pratica dell’uso di un defibrillatore da parte di una persona al primo utilizzo. Buona visione!

Be Sociable, Share!

speak Your Mind