Festival del Giornalismo delle Marche, intervista a Simoncini

3rd novembre 2016

Abbiamo incontrato Silvia Simoncini, organizzatrice dell festival del Giornalismo d’inchiesta delle Marche, e abbiamo deciso di intervistarla

Silvia Simoncini, organizzatrice del Festival de Giornalismo d'Inchiesta delle MarcheIl Festival del Giornalismo d’inchiesta delle Marche è l’esempio di come si possa trasformare un territorio marginale rispetto alle rotte dell’informazione in un vero e proprio punto di riferimento. E’ quanto ha fatto Silvia Simoncini, che conduce una vita da impiegata a Osimo, in provincia di Ancona, ma che ha sognato in grande e ha fatto “volare” la sua città nel mondo dell’informazione.

Con il suo Festival del giornalismo d’inchiesta delle Marche, giunto alla quinta edizione, gli abitanti del posto si sono abituati a conoscere una schiera di giornalisti di primo piano. Inchieste, cronaca nera, approfondimenti, insomma, tutto il meglio che c’è nel mondo del giornalismo. Proprio per questo, a Osimo, ormai si è creato un palcoscenico, ma anche una passerella, dove vengono raccontate le storie più discusse a livello nazionale e presentati i libri scritti dai più importanti giornalisti italiani. Il festival è diventato negli anni anche un posto dove confrontarsi sul futuro della professione e dibattere sugli spazi di libertà che esistono nel mondo dei media.

Una volta finito il festival, che di solito si tiene a cavallo tra settembre e ottobre con la direzione artistica del giornalista Gianni Rossetti, con il tempo, al Festival è stato accompagnato il Contemporaneo, una rassegna sulle migliori produzioni letterarie nate dalla penna di importanti giornalisti.

D: Silvia, facci un bilancio della quinta edizione:

R: Anche questa edizione è andata molto bene, sia a livello di critica sia a livello di pubblico; tanta gente ci segue con piacere e passione. Questo non può che inorgoglirci spronandoci a fare sempre meglio.

D: Il giornalismo dovrebbe essere sinonimo di libertà.

R: Credo che noi siamo stati fortunati ad avere incontrato sempre veri e liberi professionisti che credono nel giornalismo investigativo come un mezzo attraverso il quale si fanno conoscere tante verità e realtà, spesso, molto spesso scomode.

D: Quale l’incontro che ti ha colpito di più?

R: Ricordo con piacere Lirio Abbate, giornalista sotto scorta che danni con le proprie inchieste si batte in difesa della legalità e Gianluigi Nuzzi per la cortesia e la disponibilità;

D: Vi state espandendo, quali sono i progetti?

R: Ormai il Festival da tre anni è itinerante, quindi non più concentrato solo ad Osimo proprio per far conoscere l’utilità e l’autenticità del giornalismo d’inchiesta in varie città del nostro territorio (Filottrano, Camerano, Castelfidardo, Montefano ecc ecc.) e con ottimi, davvero positivi, riscontri da parte delle Amministrazioni ospitanti. Pertanto seguiremo questa strada anche per la sesta edizione in programma per fine settembre 2017.

Be Sociable, Share!

speak Your Mind